(function(h,o,t,j,a,r){ h.hj=h.hj||function(){(h.hj.q=h.hj.q||[]).push(arguments)}; h._hjSettings={hjid:1530709,hjsv:5}; a=o.getElementsByTagName('head')[0]; r=o.createElement('script');r.async=1; r.src=t+h._hjSettings.hjid+j+h._hjSettings.hjsv; a.appendChild(r); })(window,document,'//static.hotjar.com/c/hotjar-','.js?sv=');
crepe nei muri le risposte
CREPE NEI MURI: LE 7 RISPOSTE CHE ASPETTAVI
1 Aprile 2020
miglioramento sismico o adeguamento sismico
MIGLIORAMENTO SISMICO O ADEGUAMENTO SISMICO?
16 Aprile 2020

NOTIZIE DEL MESE IN EDILIZIA: MARZO 2020

notizie marzo 2020 - costruzioni in legno - terremoti - prevenzione incendi

Progettare le costruzioni in legno, terremoti e prevenzione incendi, questi sono gli argomenti della raccolta delle migliori notizie che ho trovato in rete nel mese di marzo 2020.

 

Hai delle crepe nei muri della tua casa? Guarda come posso aiutarti

 

COSTRUZIONI IN LEGNO: “Cosa deve sapere il progettista quando “costruisce in legno””

Veramente molto bello questo articolo di Ribera Alberico su INGENIO, primo di una serie di 6 puntate.

All’interno del post vengono illustrati in maniera molto chiara alcuni argomenti relativi alle costruzioni in legno che, per chi progetta abitualmente strutture in cemento armato e in muratura come me 😉, possono non essere  conosciuti  oppure a cui rischiamo di non dare la giusta importanza.

La progettazione delle costruzioni in legno richiedono la buona conoscenza del materiale legno, l’influenza delle condizioni ambientali sulle caratteristiche del legno, l’attenzione che il progettista deve dare all’azione del vento in quanto il legno è un materiale “leggero”, come eseguire un corretto particolare struttura in legno- struttura di fondazione per garantire la giusta durabilità del legno, il rapporto tra il legno e il fuoco, questi sono solo alcuni degli argomenti affrontati nell’articolo.

Leggi l’articolo completo!

 

TERREMOTI: “Terremoto, ISPRA: ogni 5 anni in Italia un sisma disastroso con vittime”

Altro articolo su INGENIO questa volta a firma di Samorì Chiara.

Nel post si parla della convention “Terremoti, maremoti, effetti al suolo, cartografia e ricerca storica” svoltasi a Roma e promossa da ISPRA, con la collaborazione della Società Italiana di Geologia Ambientale (SIGEA) e della Società Geografica Italiana.

Il rischio sismico è un tema cruciale per il nostro Paese: Ispra ha calcolato che da fine Ottocento a oggi, ogni 4-5 anni si sia verificato un terremoto disastroso con vittime.

……..

Per Valensise «le comunità dimenticano i terremoti passati e dunque con il tempo dimenticano che c’è un rischio sismico».

…….

….Enrico Miccadei, docente dell’Università di Chieti, ha dichiarato che l’Appennino «è in movimento e ancora oggi si sta formando»

Ho voluto estrapolare dallo scritto queste frasi in quanto evidenziano l’importanza di continuare a divulgare in Italia il concetto della PREVENZIONE SISMICA.

Leggi l’articolo completo!

MIGLIORA LA SICUREZZA DELLA TUA FAMIGLIA: GRATIS IL MIO EBOOK  “COME PREPARARSI AL PROSSIMO TERREMOTO”

Dichiaro di aver letto e compreso l’informativa sulla privacy e do il mio consenso all’utilizzo dei dati personali inseriti nel presente modulo di contatto.

PREVENZIONE INCENDI “Nuove RTV di prevenzione incendi per uffici, scuole, hotel, autorimesse: cosa cambia col DM 14 febbraio 2020”

Vasco Vanzini su INGENIO ci ricorda che sulla Gazzetta Ufficiale n. 57 del 06/03/2020 è stato pubblicato il decreto di allineamento delle Regole tecniche verticali (RTV) al Codice di prevenzione incendi: D.M. 14 febbraio 2020.

Nell’articolo Vanzini sottolinea le modifiche che sono entrate in vigore con il nuovo decreto nella prevenzione incendi negli uffici, nelle attività ricettive turistico-alberghiere, nelle autorimesse, nelle scuole e nelle attività commerciali.

Leggi l’articolo completo!

 

Sei un tecnico che svolge PREVENZIONE INCENDI? Posso aiutarti con una Valutazione Analitica di resistenza al fuoco di strutture in cemento armato!

 

TERREMOTI: Fiber optic internet cables could monitor earthquakes

In questo articolo di Jim Erickson  su futurity.org viene segnalato che uno studio eseguito dal Prof. Zack Spica dell’Università del Michigan fornisce nuove prove sulla possibilità che le stesse fibre ottiche che forniscono internet ad alta velocità alle nostre case potrebbero un giorno estendere la rete sismica di monitoraggio.

 

Questa potrebbe essere una buona soluzione per le grandi città all’interno delle quali risulta difficile trovare degli spazi idonei all’installazione dei normali sismometri.

Inoltre nelle grandi città esistono già migliaia di chilometri di cavi ottici che potrebbero essere utilizzati.

Per il momento però i sismometri tradizionali offrono prestazioni migliori rispetto ai sistemi prototipo che utilizzano il rilevamento dei terremoti con la fibra ottica

Inoltre, i sismometri rilevano i movimenti del terreno in tre direzioni mentre le fibre ottiche rilevano solo gli spostamenti lungo la direzione della fibra.

Quindi è necessario continuare le sperimentazioni, ma questa ricerca potrebbe aiutarci molto in futuro nella battaglia contro i terremoti.

Leggi l’articolo completo!

 

Ti è piaciuto l’articolo? Allora condividilo sui social e con le persone a cui pensi possa interessare!

Vuoi migliorare la resistenza ai terremoti della tua casa?

Contattami subito compilando il modulo oppure  con WhatsApp

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo messaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *