Notizie edilizia dicembre 2019
NOTIZIE DEL MESE IN EDILIZIA: DICEMBRE 2019
3 Gennaio 2020
sismabonus
SISMABONUS E CLASSIFICAZIONE SISMICA DEGLI EDIFICI
24 Gennaio 2020

LUCERNARIO SUL TETTO: PUOI APRIRLO?

Lucernario

Quando nel tuo appartamento hai una bellissima mansarda ma c’è poca luce devi aprire un nuovo lucernario sul tetto: sei sicuro che puoi farlo?

Nell’articolo troverai la risposta al tuo dubbio, in particolare leggerai di:

  1. problematiche strutturali per realizzare un nuovo lucernario sul tetto;
  2. quale titolo edilizio è necessario per aprire un nuovo lucernario?

 

Prima di addentrarci negli argomenti specifici vediamo la definizione di “LUCERNARIO” riportata da TRECCANI:

LUCERNARIO (fr. lantane; sp. lumbrera; ted. Dachkappe; ingl. sky light). – Superficie a vetri disposta sia in piano, sia con inclinazione variabile, allo scopo di dar luce e aria agli ambienti sottostanti.

 

Hai delle crepe nei muri della tua casa? Guarda come posso aiutarti

 

PROBLEMATICHE STRUTTURALI PER REALIZZARE UN NUOVO LUCERNARIO SUL TETTO

Negli edifici esistenti in Italia la maggior parte dei coperti sono realizzati con le seguenti tipologie:

  • Tetto in legno; tetto in legno
  • Coperto in travetti varese e tavelloni;tetto in travi varese e tavelloni
  • Solaio di copertura in travetti e pignatte.tetto in travetti e pignatte

 

Ti serve una consulenza tecnica? Possiamo farlo anche con una videochiamata contattami ora!

 

Dal punto di vista sismico il solaio in legno (con tavolato semplice) e il solaio in travetti varese con tavelloni ripartiscono poco le forze sismiche tra i vari elementi resistenti verticali mentre il solaio in travetti e pignatte, soprattutto se sopra è stata realizzata una soletta in c.a. di almeno 4 cm, riesce a far collaborare meglio le pareti e i pilastri.

Questo differente comportamento implica che quando dovrai aprire un lucernario in un tetto in travetti e pignatte sarà necessario da parte del tuo tecnico strutturista una maggiore attenzione nel ripristinare la rigidezza persa a seguito della realizzazione del foro.

Se per aprire il foro dove andrà installato l’infisso dovrà essere necessario tagliare un travetto portante il tecnico da te incaricato dovrà adottare gli opportuni accorgimenti, anche in base alla diversa tipologia del tetto, per ripristinare la capacità portante della struttura.

 

In Emilia Romagna la D.G.R. 2272/2016  individua dei limiti entro i quali la realizzazione di un foro in un solaio, anche rigido nel piano, può essere inquadrato come I.P.R.I.P.I. (Intervento privo di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici):

  • “……….
  • B.3.1. a)  Realizzazione, chiusura e modifica di aperture nel singolo campo di solaio o di copertura, senza modifica della falda, di superficie complessiva <= 1,50 mq, al netto della superficie di eventuali aperture già esistenti, purché non siano necessarie opere di rinforzo degli elementi strutturali principali. (L1);
  • B.3.1. b)  Realizzazione, chiusura e modifiche alle aperture nel singolo campo di solaio o di copertura, ciascuna di superficie <= 3 mq,  senza modifiche significative delle falde di copertura, della resistenza e della rigidezza degli orizzontamenti, purché non siano necessarie opere di rinforzo degli elementi strutturali principali. (L2);
  • ……….”

 

Quindi in Emilia Romagna se il foro necessario per montare il lucernario sul tuo tetto è minore di 3 mq, non viene modificata la resistenza e la rigidezza della struttura di copertura e non sono necessarie opere di rinforzo per gli elementi strutturali principali, non è obbligatorio presentare una pratica sismica presso gli enti competenti.

Ma comunque. anche se ricadi nel caso precedente e quindi non dovrai presentare la pratica sismica, ti consiglio di incaricare un tecnico specializzato in progettazione strutturale per la progettazione e la direzione dei lavori delle opere.

 

SCARICA GRATUITAMENTE LA GUIDA CON I CONSIGLI SU  “COME APRIRE UNA PORTA IN UN MURO PORTANTE!”

Dichiaro di aver letto e compreso l’informativa sulla privacy e do il mio consenso all’utilizzo dei dati personali inseriti nel presente modulo di contatto.

 

QUALE TITOLO EDILIZIO E’ NECESSARIO PER APRIRE UN NUOVO LUCERNARIO?

Quale titolo edilizio serve in Emilia Romagna per realizzare un nuovo lucernario nel tetto della tua casa?

E’ difficile rispondere in maniera univoca a questa domanda perché la risposta potrebbe variare da Comune a Comune.

In alcuni Comuni se le caratteristiche del foro per il lucernario rientrano tra gli I.P.R.I.P.I. di cui sopra, pur essendo un’apertura da realizzare sull’involucro esterno,  sarà sufficiente presentare una C.I.L.A. (Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata).

In altri, anche se rientrante tra gli I.P.R.I.P.I., per realizzare il lucernario sul tetto il tecnico abilitato dovrà presentare una S.C.I.A. (Segnalazione Certificata di Inizio Attività).

 

Concludendo la prima cosa che devi fare per aprire un nuovo lucernario nel tetto del tuo appartamento è incaricare un Ingegnere specializzato in progettazione strutturale che valuterà l’apertura da eseguire nel solaio.

 

Ti è piaciuto l’articolo? Allora condividilo sui social e con le persone a cui pensi possa interessare!

Devi realizzare un nuovo lucernario nel tetto della tua casa?

Contattami subito compilando il modulo oppure  con WhatsApp

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo messaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *