(function(h,o,t,j,a,r){ h.hj=h.hj||function(){(h.hj.q=h.hj.q||[]).push(arguments)}; h._hjSettings={hjid:1530709,hjsv:5}; a=o.getElementsByTagName('head')[0]; r=o.createElement('script');r.async=1; r.src=t+h._hjSettings.hjid+j+h._hjSettings.hjsv; a.appendChild(r); })(window,document,'//static.hotjar.com/c/hotjar-','.js?sv=');
Proroga Superbonus 110
SUPERBONUS 110%: LA PROROGA DELLA SCADENZA È NECESSARIA!
21 Ottobre 2020
UNITÀ STRUTTURALE E UNITÀ MINIMA DI INTERVENTO
23 Novembre 2020

SUPERBONUS 110 %: LE RISPOSTE DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE

Superbonus 110 risposte Agenzia delle Entrate

In questo articolo trovi le risposte dell’Agenzia delle Entrate sul SUPERBONUS 110 % per me più interessanti raggruppate per argomento.

Il mio obiettivo è di aggiornare continuamente questa raccolta, per ogni risposta dell’Agenzia delle Entrate trovi un mio piccolo riassunto con le indicazioni che reputo più importanti ma ti consiglio di leggere la versione completa originale utilizzando il link specifico.

 

Ultimo aggiornamento 12/11/2020

“Demolizione e Ricostruzione “

Risposta n. 455 del 07/10/2020

Il  richiedente afferma di aver acquistato un’edificio residenziale unifamiliare nel mese di febbraio 2020 usufruendo delle agevolazioni prima casa,  inoltre ha in progetto la demolizione e ricostruzione del fabbricato cambiando sagoma e diminuendone leggermente il volume.

Il quesito posto dal richiedente è se può accedere alle detrazioni fiscali previste dall’art.119 del Decreto Rilancio.

L’Agenzia delle Entrate ha risposto che nel rispetto di tutte le condizioni e adempimenti previsti dalla normativa ritiene che sia possibile fruire del Superbonus per interventi di demolizione e ricostruzione dell’edificio a prescindere dalla condizione che lo stesso venga adibito ad abitazione principale.

link risposta 455/2020 AdE

 

 

“Intervento di isolamento parziale della facciata condominiale da parte di un singolo condomino “

Risposta n. 408 del 24/09/2020

Il  richiedente è proprietario di un’unità immobiliare all’interno di un edificio condominiale composto da 8 appartamenti.

La maggioranza dei condomini non è interessata ad eseguire lavori di efficentamento energetico ma ha concesso ai proprietari delle singole unità immobiliari abitative, qualora interessati, la facoltà di realizzare l’intervento sulle sole superfici opache dell’involucro del perimetro ricadente nella loro pertinenza.

Il quesito posto dal richiedente è se può avvalersi dell’agevolazione prevista dall’articolo 119 del decreto Rilancio, nonostante l’intervento, anziché essere realizzato dal condominio, sia effettuato dal singolo condomino su una sola parte dell’involucro esterno dell’immobile.

L’Agenzia delle Entrate ha risposto che l‘Istante può accedere alla detrazione del 110 per cento per gli interventi autorizzati dall’assemblea condominiale, che interessano la parte dell’involucro dell’edificio che riguarda la sua unità abitativa a condizione che rispetti tutte le condizioni e adempimenti previsti dalla normativa.

link risposta 408/2020 AdE

 

 

“Acquisto di Case antisismiche”

Risposta n. 325 del 09/09/2020

Il quesito posto è relativo all’acquisto da parte del richiedente di un immobile costruito da un impresa a seguito della demolizione di un edificio esistente.

Il richiedente avendo sottoscritto un preliminare di acquisto nel 2018 ma l’immobile gli verrà consegnato tra settembre e ottobre 2020, chiede all’Agenzia delle Entrate se potrà usufruire del Superbonus 110 % utilizzando lo sconto in fattura, inoltre domanda se l’impresa venditrice può negare il riconoscimento dello sconto in fattura.

L’Agenzia dell Entrate conferma la possibilità di usufruire del Superbonus 110% per l’acquisto di casa antisismica se l’immobile è situato nelle zone sismiche 1,2 o 3 e nel rispetto di tutte le condizioni indicate nel Decreto Rilancio inoltre conferma anche la possibilità di richiedere lo sconto in fattura.

L’Agenzia specifica infine che l’impresa venditrice non è obbligata a riconoscere lo sconto in fattura.

link risposta 325/2020 AdE

 

Ti serve una consulenza tecnica? Possiamo farlo anche con una videochiamata contattami ora!

 

 

“Unità Collabenti”

Risposta n. 326 del 09/09/2020

Il richiedente afferma di essere proprietario di un’unità immobiliare non abitabile e quindi incapace di produrre reddito accatastata F/2 (unità collabente).

L’unità immobiliare è contigua alla propria abitazione principale.

Il progetto del richiedente è di accorpare le due unità immobiliari eseguendo anche interventi di riduzione del rischio sismico e di efficentamento energetico.

La domanda posta all’Agenzia delle Entrate è se anche le spese sostenute per gli interventi realizzati sull’unità collabente possono usufruire del Superbonus 110 %.

L’Agenzia delle Entrate ha risposto che la detrazione fiscale relativa agli interventi di riduzione del rischio sismico è ammissibile anche per le unità immobiliari collabenti ma che la possibilità di usufruire delle detrazioni fiscali per interventi di efficentamento energetico è legata alla presenza di impianto di riscaldamento funzionante all’interno dell’edificio.

link risposta 326/2020 AdE

 

SCARICA GRATUITAMENTE LA GUIDA CON I CONSIGLI SU  “COME APRIRE UNA PORTA IN UN MURO PORTANTE!”

Dichiaro di aver letto e compreso l’informativa sulla privacy e do il mio consenso all’utilizzo dei dati personali inseriti nel presente modulo di contatto.

“Comodato d’uso gratuito”

Risposta n. 327 del 09/09/2020

Il richiedente risiede in un’unità immobiliare, all’interno di un edificio quadrifamiliare, con un contratto di comodato d’uso gratuito stipulato verbalmente e regolarmente registrato il 01/06/2019.

La domanda del richiedente è se può usufruire del Superbonus 110 % per la sostituzione del vecchio generatore di calore con una pompa di calore anche se non è proprietario dell’abitazione.

L’Agenzia delle Entrate ha confermato la possibilità di usufruire del Superbonus 110% in quanto il contratto di comodato d’uso gratuito è regolarmente registrato ma evidenzia che, essendo l’unità immobiliare all’interno di un condominio, per poter accedere alle detrazioni con il tipo di intervento da lui richiesto è necessario che la sua abitazione si possa configurare come “unità immobiliare funzionalmente indipendente“.

link risposta 327/2020 AdE

 

 

“Villette a schiera”

Risposta n. 328 del 09/09/2020

Il richiedente intende eseguire degli interventi efficentamento energetico nella sua villetta, domanda se potrà usufruire del Superbonus 110% anche se le “villette a schiera” non sono menzionate nel Decreto Rilancio.

L’Agenzia delle Entrate conferma la possibilità di usufruire dell’Ecobonus 110″ per le villette a schiera purché siano “funzionalmente indipendenti” (accesso autonomo dall’esterno e dotata di impianti acqua, gas, energia elettrica e riscaldamento di proprietà esclusiva).

link risposta 328/2020 AdE

 

SUPERBONUS 110%:
Sei interessato a un ebook che raccoglie le normative, le circolari e le risposte agli interpelli delle Agenzie delle Entrate, aggiornato ogni mese, dove si possono fare ricerche per parole chiave e con i link per scaricare i documenti?

 

“Proprietario unico di edificio con più unità immobiliari”

Risposta n. 329 del 10/09/2020

Il richiedente di essere comproprietario con la coniuge di un edificio composto da più unità immobiliari (tre appartamenti, un magazzino e un garage) e domanda se può usufruire del Superbonus 110% per interventi di riduzione del rischio sismico e di efficentamento energetico.

L’Agenzia delle Entrate, richiamando al Circolare 24/E del 08/08/2020, ribadisce che nel caso di unico proprietario di un edificio composto da più unità immobiliari non si può accedere alle detrazioni fiscali Superbonus 110%.

link risposta 329/2020 AdE

 

“Lastrico solare di proprietà esclusiva”

Risposta n. 499 del 27/10/2020

L’istante chiede se l’intervento di isolamento termico del lastrico solare di proprietà esclusiva, se autorizzato dall’assemblea condominiale, rientra tra gli interventi agevolabili ai sensi dell’art.119 comma 1 lettera a) del “Decreto Rilancio”.

Quindi se può essere inquadrato come intervento “trainante” per il Superbonus.

Inoltre l’istante chiede se la verifica dell’incidenza dell’intervento di isolamento termico del lastrico solare di proprietà esclusiva su almeno il 25% della superficie disperdente e del miglioramento di almeno 2 classi energetiche vada effettuata con riferimento all’intero condominio oppure solo al proprio appartamento, a chi devono essere intestate le fatture e chi dovrà effettuare i bonifici di pagamento.

 

L’Agenzia delle Entrate afferma che l’intervento di isolamento termico del lastrico solare di proprietà esclusiva, se autorizzato dall’assemblea condominiale, rientra tra gli interventi “trainanti” agevolabili con il Superbonus, che l’intervento di isolamento termico dovrà comunque interessare più del 25% della superficie disperdente di tutto l’edificio e che, insieme all’installazione dell’impianto fotovoltaico, dovrà migliorare di 2 classi energetiche l’intero edificio.

L’Agenzia delle Entrate afferma che i documenti di spesa per l’intervento di isolamento termico del lastrico solare di proprietà esclusiva dovranno essere intestati al condominio e che lo stesso dovrà effettuare i pagamenti.

link risposta 499/2020 AdE

Puoi anche vedere il video “Superbonus 110%: Risposta 499/2020 dell’Agenzia delle Entrate

 

“Sostituzione vetrate fisse con parete muratura”

Risposta n. 521 del 03/11/2020

L’istante chiede se l’intervento di sostituzione di vetrate fisse con una parete in muratura e conseguente isolamento termico rientra tra gli interventi agevolabili del “Decreto Rilancio”.

 

L’Agenzia delle Entrate afferma che tale intervento non rientra tra le spese agevolabili con il Superbonus in quanto all’art. 119 comma 1 lett.a) del D.L. 34/2020 ci si riferisce esclusivamente alle «superfici opache verticali, orizzontali e inclinate» – e non anche ad altri elementi costituenti l’involucro edilizio.

link risposta 521/2020 AdE

 

“Frazionamento in due unità immobiliari”

Risposta n. 523 del 04/11/2020

L’istante dichiara di voler effettuare un frazionamento della sua unità immobiliare ottenendo due nuove unità immobiliari funzionalmente indipendenti e che le stesse disporranno di accessi autonomi dall’esterno.

L’istante chiede se i limiti di spesa previsti dalla legislazione vigente per ciascun intervento sono da considerare sull’unica unità immobiliare presente prima dell’intervento o sulle due unità immobiliari indipendenti risultanti a seguito del frazionamento.

 

L’Agenzia delle Entrate afferma che: “con riferimento alle detrazioni spettanti per le spese sostenute per interventi di recupero del patrimonio edilizio e per interventi finalizzati al risparmio energetico, è stato precisato che nel caso in cui i predetti interventi comportino l’accorpamento di più unità abitative o la suddivisione in più immobili di un’unica unità abitativa, per l’individuazione del limite di spesa, vanno considerate le unità immobiliari censite in Catasto all’inizio degli interventi edilizi e non quelle risultanti alla fine dei lavori.
Ciò implica, in sostanza, che, nel caso prospettato, va valorizzata la situazione esistente all’inizio dei lavori e non quella risultante dagli stessi ai fini dell’applicazione delle predette detrazioni.

link risposta 523/2020 AdE

“Accesso autonomo”

Risposta n. 524 del 04/11/2020

L’istante dichiara di voler effettuare degli interventi sulla sua unità immobiliare all’intero di un condominio e precisa che il proprio immobile dispone di un accesso indipendente non comune ad altre unità immobiliari, chiuso da cancello, al quale si accede dal percorso pedonale a servizio dei singoli edifici in condominio.

 

L’Agenzia delle Entrate afferma, richiamando l’art. 1 bis  introdotto all.arti.119 dalla Legge 126/2020, che l’Istante può accedere alle misure fiscali previste dall’articolo 119 del Decreto Rilancio anche se l’accesso all’unità immobiliare oggetto dell’intervento avviene da un percorso pedonale privato di libero accesso dall’esterno.

link risposta 524/2020 AdE

 

“Cambio d’uso da C/2 ad abitazione”

Risposta n. 538 del 09/11/2020

L’istante dichiara di essere proprietario di un’unità immobiliare attualmente accatastata C/2 (usata in precedenza come fienile) sulla quel vuole eseguire un intervento di ristrutturazione edilizia con opere di riduzione del rischio sismico e cambio d’uso in abitazione.

L’istante chiede se pur essendo attualmente un’unità immobiliare non ad uso abitativo con il cambio d’uso durante l’intervento di ristrutturazione potrà usufruire del Sismabonus 110%, inoltre chiede chiarimenti in merito a quale prezzario utilizzare per la verifica della congruità delle spese per la riduzione del rischio sismico ed infine come calcolare il 30% del SAL.

 

L’Agenzia delle Entrate afferma che l’istante potrà usufruire del Sismabonus 110% purché nel provvedimento amministrativo risulti chiaramente tale cambio e sempreché l’immobile, dopo l’intervento, rientri in una delle categorie catastali ammesse al beneficio.

In merito al secondo quesito l’Agenzia delle Entrate afferma che per asseverare la congruità delle spese sostenute per gli interventi di riduzione del rischio sismico occorre fare riferimento ai prezzi riportati nei prezzari predisposti dalle Regioni e dalle Province autonome, ai listini ufficiali o ai listini delle locali camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura ovvero, in difetto, ai prezzi correnti di mercato in base al luogo di effettuazione degli interventi.

Infine per determinare il raggiungimento del 30% o al 60% dell’intervento agevolabile necessario all’emissione degli stati di avanzamento dei lavori (SAL), occorre fare riferimento all’ammontare complessivo delle spese riferite all’intero intervento e non, come prospettato dall’Istante, all’importo massimo di spesa ammesso alla detrazione.

link risposta 538/2020 AdE

Puoi anche vedere il video “Sismabonus 110%: risposta 538/2020 – da fienile ad abitazione –

 

 

Se vuoi sapere tutto sul Sismabonus 110% leggi i miei articoli:

SISMABONUS 110 %: SI PUÒ INIZIARE!

ASSEVERAZIONE SISMABONUS 110% DOPO IL D.M. 329/2020

 

Ti è piaciuto l’articolo?

Allora condividilo sui social e con le persone a cui pensi possa interessare, inoltre sostieni il mio progetto di divulgazione con un piccolo TIP

Vuoi migliorare la resistenza ai terremoti della tua casa?

Contattami subito compilando il modulo 

 

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Il tuo messaggio

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *