(function(h,o,t,j,a,r){ h.hj=h.hj||function(){(h.hj.q=h.hj.q||[]).push(arguments)}; h._hjSettings={hjid:1530709,hjsv:5}; a=o.getElementsByTagName('head')[0]; r=o.createElement('script');r.async=1; r.src=t+h._hjSettings.hjid+j+h._hjSettings.hjsv; a.appendChild(r); })(window,document,'//static.hotjar.com/c/hotjar-','.js?sv=');
crepe negli edifici siccità
CREPE NEGLI EDIFICI E SICCITA’
11 Settembre 2017
BONUS CASA 2018
BONUS CASA – le novità della Legge di bilancio 2018 –
2 Gennaio 2018

Golf Cento (Fe): dal progetto strutturale alla realizzazione di un nuovo edificio

Nuovo edificio Golf Cento

Il terremoto del 2012 ha danneggiato in maniera grave un edificio in muratura esistente presso il Golf Cento (Fe), la proprietà ha deciso di provvedere alla sua demolizione realizzando il nuovo fabbricato in cemento armato presentato nel video.

L’edificio esistente demolito, ad uso dell’associazione sportiva dilettantistica Golf Club “Augusto Fava”,  si sviluppava su due piani fuori terra più un sottotetto con un coperto a falde inclinate, aveva dimensioni massime in pianta di circa 14.00 x 12.00 m con altezza in gronda pari a circa 8.10 m.

Architettonicamente era un fabbricato tipico delle aree rurali della pianura Padana.

L’intervento che è stato realizzato per ripristinare l’agibilità dell’edificio è la demolizione con ricostruzione.

Il nuovo fabbricato realizzato ha una pianta  ad “L” ed è composto da due impalcati strutturali, in seguito all’esame delle piante architettoniche si è preferito impostare la carpenteria con telai nelle due direzioni principali costituiti da travi ricalate e in spessore.

A sostegno delle travi portanti sono stati disposti dei pilastri, con un interasse medio di 4.50 m, la posizione degli stessi è stata individuata tenendo conto delle necessità sia strutturali sia architettoniche.

La collaborazione con il progettista architettonico è stata mirata ad ottenere, compatibilmente con le esigenze dell’idea progettuale architettonica, una struttura il più possibile regolare in pianta e in altezza dal punto di vista della risposta sismica.

La struttura di fondazione è superficiale a platea ed assicura sia adeguato trasferimento dei carichi al terreno sia idonea rigidezza nei confronti di cedimenti differenziali.

Le strutture in elevazione sono state realizzate mediante pilastri e travi c.c.a. gettate in opera .

I solai sono stati eseguiti in lastre predalles il 1° impalcato mentre la copertura in travetti e pignatte.

Tutte le opere strutturali sono state progettate con riferimento ai criteri tecnico-costruttivi prestazionali relativi alle costruzioni in zona sismica ai sensi del D.M. 14/01/2008.

Ti serve una consulenza tecnica? Possiamo farlo anche con una videochiamata contattami ora!

 

SCARICA GRATUITAMENTE LA GUIDA CON I CONSIGLI SU  “COME APRIRE UNA PORTA IN UN MURO PORTANTE!”

Dichiaro di aver letto e compreso l’informativa sulla privacy e do il mio consenso all’utilizzo dei dati personali inseriti nel presente modulo di contatto.

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo sui tuoi social e seguimi sul mio Canale TELEGRAM  (ogni venerdì un post con un contenuto esclusivo!)

Vuoi migliorare la resistenza ai terremoti della tua casa?

Contattami subito compilando il modulo oppure  con WhatsApp

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo messaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *